prossimi appuntamenti

29-31 gennaio

PRESAGIO

liberamente tratto dal Vangelo di Matteo

di e con Flavio Arcangeli

29-31 gennaio

laboratorio di danza tenuto da Flavio Arcangeli (ore 10-15)
ultimi tre posti disponibili (€ 90.00)

E’ l’occasione per raccontare la fine tragica di Giovanni, il profeta che non è mai venuto meno alla sua missione e resta, anche nella morte, il precursore di Gesù  Nel sinistro banchetto nella  fortezza della famiglia dei regnanti si prepara il suo omicidio. Benché Erode vuole  farlo morire, teme il popolo perché lo considera  un profeta.Venuto il compleanno di Erode, la figlia di Erodiade danza in pubblico e piace tanto a Erode che egli le promette con giuramento di darle tutto quello che avesse domandato. Ed essa, istigata dalla madre chiede la testa di Giovanni il Battista.

Il re se ne rammarica, ma a causa del giuramento e dei commensali ordina che le sia data e manda a decapitare Giovanni nel carcere…

———————————-

4-7 febbraio

After the end

di Dennis Kelly

con Valentina Correani e Marco Giuliani

regia di Marco Giuliani

Londra. Un rifugio nucleare degli anni ottanta, ai giorni nostri. Mark e Louise, due ragazzi tra i 25 e i 30 anni, parlano di un attentato terroristico in un pub che ha raso al suolo interi quartieri e ucciso una gran quantità di gente, probabilmente anche molti loro amici. Mark ha portato in braccio Louise priva di sensi fino a quel rifugio, il suo, a causa del quale, prima, era stato molto preso in giro da quegli stessi amici che ora sono morti. Ora, invece, è tornato utile, dice Mark, perchè « il mondo è completamente impazzito ». I due devono trascorrere il tempo, in attesa che la radio ritorni a funzionare e qualcuno li informi su cosa esattamente è accaduto là fuori. Ma, con il cibo che scarseggia e il poco spazio a disposizione, la tensione comincia a diventare insostenibile, e  tra i due va in scena una vera e propria battaglia per il potere e il controllo dove la posta in gioco è la vita, in un susseguirsi di situazioni dai toni grotteschi. Una black comedy contemporanea,spietata e corrosiva, nella migliore tradizione inglese, che vuole riflettere su cosa stiamo diventando o siamo già diventati.

————————————-

Seminario di ANDREA COSENTINO

IL TEATRO SENZA METODO

Dal 10 al 13 febbraio 2010

Dalle 14 alle 18

Costo € 170,00

Seminario di teatro per attori, autori e registi.

Si parte dall’idea che il teatro è un unico campo di ricerca, le differenziazioni di ruoli e le specializzazioni sono al di là o al di qua degli ambiti che mi interessa affrontare.

Più che un laboratorio, questi quattro giorni saranno un luogo di incontro e di scambio. Io metto a disposizione la mia esperienza, i partecipanti le loro domande. Perché si formino delle domande, bisogna che ci siano progetti. Non si può domandare: come si fa il teatro? Ci si può chiedere: voglio raggiungere questo obiettivo, dire questa cosa, fare quest’altra, o recitare questo testo o anche scrivere questa storia. Gli strumenti saranno la conseguenza della domanda iniziale, e degli ostacoli che troveremo sulla strada.

Come campo di esperienza comune, all’inizio di ogni giornata, io porterò un piccola dote di esercizi e giochi, e verranno sfiorati alcuni argomenti che mi sono cari: la maschera, come strumento che consente l’improvvisazione e la comprensione dei meccanismi teatrali del conflitto; il clown, ovvero l’esplorazione della propria fragilità attraverso l’esposizione del proprio esibizionismo; il racconto, come base comune ad ogni tipo scrittura drammaturgica.

La seconda parte di ogni incontro sarà dedicata ai progetti dei partecipanti. Portate un materiale su cui state lavorando o intendete lavorare, singolarmente o a coppie o a gruppi più estesi.

Il materiale può essere di qualunque tipo e a qualunque stadio di lavoro: un’idea, una scena, un testo (vostro o altrui), una partitura fisica…

Il lavoro che potremo fare potrà essere a molti livelli, dall’impostazione alla rifinitura, la varietà delle vostre proposte arricchirà l’esperienza di tutti, la mia per prima.

Vestiti comodi ma non ginnici.

Teatro Furio Camillo

Per info e prenotazioni: andrea-cosentino@libero.it

Andrea Cosentino.  Attore, autore, comico e studioso di teatro. Tra i suoi spettacoli La tartaruga in bicicletta in discesa va veloce, il dittico del presente costituito da L’asino albino e Angelica (i cui testi son pubblicati in Andrea Cosentino l’apocalisse comica a cura di  Carla Romana Antolini, Roma, Editoria e spettacolo, 2008) e Antò le Momò-avanspettacolo della crudeltà, tutti con la collaborazione di Andrea V. Franceschi e Valentina Giacchetti. In televisione partecipa nel 2003 alla trasmissione televisiva Ciro presenta Visitors (RTI mediaset), per la quale inventa una telenovela serial-demenziale recitata da bambole di plastica. Con l’ass. cult. MARA’SAMORT opera per un’ipotesi di teatro del-con-sul margine, e promuove il format para-televisivo autarchico Telomomò.

————————————-

febbraio – marzo

—————————————

botteghino: 06.7804476

orari degli spettacoli: tutti i giorni alle ore 21.00 – domenica ore 18.00

intero: € 12.00

ridotto : € 8.00

ridotto Abitanti Municipio IX, Accademie Nazionali di danza e recitazione,

studenti universitari : € 5.00

tessera: € 2.00

info@teatrofuriocamillo.it

————————————–

SPONSOR:

BED AND BREAKFAST FURIO CAMILLO

INFO: 3206698098

CASA VACANZE OTTIMISTA

INFO: 3207441445

14 – 17 gennaio ore 21.00 (domenica ore 18.00)

WEST/MIRAGE

a project by Annika Pannitto/kERAMIk PAPIER

danza e coreografia: Annika Pannitto

visione spazio/luce, regia: kERAMIk PAPIER Danilo Morbidoni//Sara Panucci

elaborazione suono: KARAS Leonardo Boldrin//Serena Borgatello

supporto light design: Diego Labonia

con : Annika Pannitto, ospiti vari

produzione: teatrAria

Progetto finalista del Premio Equilibrio per la danza ’09 dell’Auditorium Parco della Musica di Roma,  realizzato con il sostegno di:  Dansateliers, Rotterdam, DE.MO /Movin’Up.

Il progetto coinvolge due diverse realtà di ricerca, una coreografica (Annika Pannitto) e una che lavora sulla visione spazio/luce (kERAMIk PAPIER). Questa collaborazione nasce in funzione di un progetto complesso, in cui interagiscano differenti livelli di sperimentazione (tre, con la creazione del suono, curata da Karas) ognuno con il proprio linguaggio, e con la finalità di costruire un paesaggio, uno spazio assoluto, attraversato contemporaneamente dalla luce, dal suono e dal corpo. ‘Da un lato un corpo inquieto che quasi rifiuta le regole che lo governano, sia in senso motorio che comportamentale, che quasi ad istiga alla prevaricazione; dall’altro, un corpo che desidera perdersi in una condizione di precarietà legata alla percezione di uno spazio che non offre chiari punti di riferimento’. Forward: Il corpo agisce in uno spazio e tende a confermarlo, stabilisce le regole che lo governano e ha la piena autorità su di esso. Nel mantenere vivo il senso di allerta, il movimento è asciutto, nitido, compatto, il centro del corpo è mobile e attivo. Rewind: Il tentativo di perdita di coscienza delle coordinate spaziali e corporee; il corpo si perde nello spazio, danza quasi senza pensare, come in un luogo in cui sia perduto il contatto con ogni richiamo familiare (Deserto*). Si lavora poi sul medio e basso livello: spesso il corpo è a terra o in ginocchio, si rialza ripercorrendo l’azione, che non è mai descritta nella sua integrità, il percorso verso terra è tagliato e la posizione è scomposta e riproposta con orientamenti diversi. Il lavoro sulla luce e sullo spazio guida lo sguardo dello spettatore dalla visione totale a quella di un particolare come se l’immagine fosse vista attraverso una telecamera (Zoom**).

botteghino: 06.7804476

info@teatrofuriocamillo.it

Intero € 12,00

Ridotto € 8,00

Abitanti IX Municipio, Accademia Nazionale d’Arte Drammatica,

Accademia Nazionale di Danza, Studenti Universitari  € 5,00