Clown, identità comica del corpo – workshop condotto da André Casaca

CLOWN , IDENTITÀ COMICA DEL CORPO
studio pratico sull’identificazione del nostro essere comico in relazione alla gestualità quotidiana
diretto da André Casaca

workshop clown

L’identità comica del corpo, il Clown , si basa sullo studio e l’identificazione del nostro essere comico in relazione alla gestualità quotidiana.
Il corpo come strumento e nucleo di ricerca della “stupidità personale”. Si tratta di ritrovare la semplicità che è già presente nel modo naturale di essere comico. La comunicazione in questo modo avviene sulla sfera elementare. Al pubblico non interessa sapere ciò che penso mentre compio un’ azione, ma interessa piuttosto poter gustare la sua autenticità gestuale. A quel punto la comicità diventa una conseguenza della propria capacità di essere “stupidi” nello stupirsi. È un seminario pratico che dà ai partecipanti gli strumenti per sviluppare le proprie capacità comico-espressive. Attraverso la ricerca dell’identità personale nell’espressività comico-corporea si alterano i registri convenzionali, favorendo la maturazione del movimento e stimolando l’allievo alla costante necessità di scoprirsi in quanto artigiano di se stesso. Il movimento è affrontato come un’attitudine necessaria che dà vita al gesto. Il corpo come un recipiente, pronto ad accogliere, elaborare e trasformare gli impulsi che ci arrivano dall’esterno. Il corpo in quanto nucleo di partenza dell’espressività teatrale e di conseguenza il sostegno del suono, della voce e del testo.

Teatro Furio Camillo
28 – 29 novembre 2016 dalle ore 11,30 alle ore 16,30
Costo: 120€
Info e prenotazioni: 0697616026 oppure info@teatrofuriocamillo.it

André Casaca

E’ uno dei maggiori professionisti del teatro corporeo e clown sul territorio italiano. Attore, Ricercatore Teatrale, Clown, Regista, ideatore del metodo “Educazione comico – relazionale”. Si dedica al teatro da più di 23 anni, il suo metodo artistico e pedagogico é riconosciuto in Italia e all’estero, nel campo della formazione teatrale e universitario. È Direttore Artistico e Pedagogico del Centro Culturale Teatro C’art e collabora con le maggiori Scuole di Teatro professionali nazionali.

27 novembre Le Domeniche dei Bambini “Casa de Tabua”

Casa de Tábua

sedialow

Chi avrebbe mai detto che quella casa potesse andare cosi lontano. In una giornata iniziata come quella di ieri, non ci si poteva aspettare tanto. La cosa certa è che un’incontro importante arriva dopo un lungo viaggio e così è stato. Due Mondi. Lui con la sua casa viaggiante, lei con la sua casa sonora. Lui con il suo silenzio impacciato e morbido, lei con le sue abitudini precise e ritmiche. Il loro incontro davanti allo sguardo del pubblico li rende ancora più assurdi, più fragili a tal punto che i martelli ballano per loro. Vedersi dalla terrazza ma non riuscire a trovarsi davanti alla porta, pulire casa, sognare, far colazione, darsi appuntamento sotto un lampione sopra una sedia e salutarsi. Casa de Tábua è un incontro inaspettato tra suono e gesto che rivela il lato comico dell’uomo nel quotidiano. Casa de Tábua è un luogo assurdo ma per noi così reale, che se un giorno riprendessimo quel viaggio lo vorremo portare appresso proprio come le nostre case.

 

Di e con André Casaca e Irene Michailidis

Produzione Teatro C’art Comic Education

 

Teatro Furio Camillo

via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)

27 novembre ore 11.00

Info e prenotazioni: 0697616026

www.teatrofuriocamillo.it

26 – 27 novembre Battiti “Casa de Tabua”

Casa de Tábua

lowcasadeTabua

 Chi avrebbe mai detto che quella casa potesse andare cosi lontano. In una giornata iniziata come quella di ieri, non ci si poteva aspettare tanto. La cosa certa è che un incontro importante arriva dopo un lungo viaggio e così è stato. Due Mondi. Lui con la sua casa viaggiante, lei con la sua casa sonora. Lui con il suo silenzio impacciato e morbido, lei con le sue abitudini precise e ritmiche. Il loro incontro davanti allo sguardo del pubblico li rende ancora più assurdi, più fragili a tal punto che i martelli ballano per loro. Vedersi dalla terrazza ma non riuscire a trovarsi davanti alla porta, pulire casa, sognare, far colazione, darsi appuntamento sotto un lampione sopra una sedia e salutarsi. Casa de Tábua è un incontro inaspettato tra suono e gesto che rivela il lato comico dell’uomo nel quotidiano. Casa de Tábua è un luogo assurdo ma per noi così reale, che se un giorno riprendessimo quel viaggio lo vorremo portare appresso proprio come le nostre case.

Di e con André Casaca e Irene Michailidis
Produzione Teatro C’art Comic Education

Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)
26 novembre 2016 ore 21,00 – 27 novembre ore 18,00
Biglietto per singolo spettacolo € 13,00
Abbonamento a 6 spettacoli € 48,00
Abbonamento a 3 spettacoli € 30,00
Info e prenotazioni: 0697616026
www.teatrofuriocamillo.it

25 novembre Battiti “FR/AGILE”

F R/A G I L E

Solo a più dimensioni
Spettacolo di ricerca di danza contemporanea e danza aerea su tessuto
Progetto di Anita Brandolini
In collaborazione con: Marina Arienzale (video-creazione); Tommaso Rosati (suono); EfestoTeatro (assistenza tecnica-aiuto regia)

Non c’è spazio per essere fragili, dicono.
Non c’è spazio né tempo per mostrarsi fragili: “controproducente!” dicono.
L’imperativo: mostrarsi intraprendenti, determinati, vincenti, attrattivi, autonomi, invincibili.
Reclamare uno spazio, un momento per la fragilità, dico.
Un Dove in cui si risciolga l’umanità d’ognuno in una libera espressione di reciprocità e reciproca cautela, perfino cura.
Un recupero urgente e imprescindibile della consapevolezza del valore positivo di ogni fragilità in quanto manifestazione dei tratti più sottili e delicati con cui ognuno filtra tra le sue reti ogni esperienza.

Abituarsi all’idea che queste intime sfumature debbano per lo più rimanere mute ed inosservate agli occhi “dell’altro” calcifica la capacità di vedere nella propria fragilità l’occasione per una più ampia ed umana comprensione di sé e nel riconoscersi nella fragilità altrui un potente strumento di condivisione.

Svincolarsi dalle convenzioni, estendere il proprio orizzonte senza più recintarlo delimitando confini, trovare corrispondenze negli sguardi apparentemente lontani, riconoscere la propria umanità nelle incertezze e nelle debolezze che ci rendono uomini, cuori e pelli capaci di sensibilità e coraggio.

Senza paura dunque, co-responsabili di quello che accade qui ed ora, vivi e vigili tutti perfino dalla seggiola da cui s’osserva, che sia in tram, in stazione, a teatro, a lezione, che sia dove sia, senza paura di agire ed esporsi, senza autolegittimare la propria inerzia o il mancato contributo, la mancata partecipazione attraverso il timore di essere fuori posto, di fare o dire qualcosa di sbagliato. Smettere così di assuefarsi all’idea che la vita che scorre quotidianamente intorno ed in noi sia soltanto un altro dei tanti set in cui sentirsi passanti/spettatori o al limite timide comparse.
Riappropriarsi della propria f r AGILITÀ, riconoscersi in quella altrui, tendere ad una differente evoluzione delle elazioni umane.

“I look for fragility in people. Make peace with your own is the secret of happiness. One of the things i find most beautiful in aging is that my eyes see much more beauty in others” (Wolfgang Tillman).

Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)
25 novembre ore 21,00
Biglietto per singolo spettacolo € 13,00
Abbonamento a 6 spettacoli € 48,00
Abbonamento a 3 spettacoli € 30,00
Info e prenotazioni: 0697616026

La regia nel circo – workshop condotto da Gilles Defacque

LA REGIA NEL CIRCO

workshop teorico-pratico condotto da Gilles Defacque

stage francese

Partendo da due sue opere andate in scena, Mignon Palace e Soiree de Gala, si studierà in maniera teorica e pratica il cammino di due “regie sulla pista”. Il percorso della creazione di un’opera di circo-teatro, dalla progettazione, alla prima scrittura, alla formazione del gruppo di lavoro.

Il workshop si rivolge ad attori e operatori del circo-teatro e teatro di strada che abbiano già maturato esperienza nel settore.

Teatro Furio Camillo
23 – 24 novembre 2016 dalle ore 11,30 alle 16,30
Costo: € 150,00 – i soci FNAS e gli iscritti ai corsi dell’accademia avranno diritto ad un costo agevolato di € 120,00
Info e prenotazioni: 0697616026 oppure info@teatrofuriocamillo.it

«Una forma impegnativa che rende possibile una totale libertà. […] un arte che aveva i suoi arcani, le sue leggi alle quali si doveva obbedire ma dove eravamo completamente liberi. Per me, l’incontro con questo mondo si configura come quello con la poesia. Una forma impegnativa che rende possibile una totale libertà. E che è legata molto fortemente a tutte le preoccupazioni contemporanee.»

(Gilles Defacque in Théâtre Aujourd’hui n°7 : Le Cirque Contemporain. La Piste et la Scène)
 
Gilles Defacque

Direttore del Prato
Autore, attore, clown, regista di spettacoli che esplorano le forme più multiple del riso e della poesia, abbatte le barriere nei suoi spettacoli come nella programmazione del Prato.
Ex insegnante di Lettere, nato in una sala di Ballo-catch-cinema: «Le Mignon Palace.

Autore di spettacoli: i suoi «solo», dopo «Bégaiements : autobiografia della vita vissuta di un piccolo uomo» e «ça partirait de Friville-Escarbotin», dal 2008 «Loin d’être fini»; le grandi forme pluridisciplinari in sala o sotto un tendone come «Opéra Bouffe Circus» (2002), «Mignon Palace» (2007) e «Soirée de Gala, forever and eve» (2013); i suoi Cabarets Express, du Bout du Monde ou Cirque, «Autour de Chagall», «Les Lignes d’Erre de Deligny».

Riprende il cammino del clown con Clément Delliaux della Compagnia de l’Oiseau Mouche «Clément ou le courage de Peter Pan» (2017).

IL PRATO – Teatro internazionale di Quartiere a Lille.

Nasce originariamente nel quartiere popolare di Moulins, il Prato è un luogo dove creare, dove vivere un «teatro» contemporaneo, aperto agli altri e a tutto ciò che c’è di nuovo. Il teatro ospita residenze e una programmazione annuale nelle sue due sale, delle «Roulottes» e delle partnership con diverse strutture del territorio.

Pôle National des Arts du Cirque, (centro nazionale degli arti circense), il Prato propone dei rendez-vous sotto tendone, nello spazio pubblico, in partnership con Les Toiles de la Ville.

Alcune date…

1973 Nascita del Prato, un collettivo teatrale e dei clown
1984-86 Primo Festival Internazionale dei Clown del Prato
Si auto-proclama «Teatro Internazionale di Quartiere»
Si trasloca al teatro de La Filature
1989-91 Progetto di Centro Internazionale del Burlesque
Crea l’Opera «Aux armes citoyens» di Calaferte e nelle strade «De la révolution comme un cortège»
1993-99 Mette in scena tre testi di Beckett e «Mélancolie Burlesque»
Il quindicesimo festival si fa sotto un tendone.
2001-02 Organizza un progetto transfrontaliero attorno alle arti circensi
Crea «Opéra Bouffe Circus»
2003-04 Partecipa a Lille 2004 Capitale Europea della Cultura
con la ventesima ed ultima edizione del suo festival.
Crea la prima versione di «Mignon Palace» con gli studenci del CNAC
2006-07 Crea «Mignon Palace» in apertura di La Brèche a Cherbourg poi a  Lille
2011 Pôle National des Arts du Cirque
Initie Les Toiles dans la Ville, un festival di circo di oggi, euro-metropolitano
2013 Crea «Soirée de Gala (Forever and ever)»
2017 «Clément ou le courage de Peter Pan»

In collaborazione con:

logoFnas

logoMIBACT

 

22 novembre Aspettando il Serpente Piumato – workshop clown

Aspettando il Serpente Piumato

clown scimmia bambina

Il 22 novembre Claudia Sorrentino terrà un workshop intensivo durante la rassegna di circo contemporaneo “Battiti”. Sarà una presentazione, un piccolo assaggio, del percorso di creazione in clown “Il Serpente Piumato” che avrà inizio il 30 gennaio 2017 fino al 15 aprile 2017, sempre al Teatro Furio Camillo. Il workshop sarà a sottoscrizione libera.

Per ulteriori informazioni: 3450189993

Teatro Furio Camillo
22 novembre 2016
dalle ore 10.30 alle 13.00

 

20 novembre Le Domeniche dei Bambini “The Show Must Go On”

The Show Must Go On

mrpope

“Stasera in scena, signore e signori, c’è Mr.Pope! Ultimo rampollo della famosa famiglia di giocolieri americani Pope! Ci stupirà con il suo elegante spettacolo di giocoleria ed equilibrismo! Preparatevi al Mirabolante… Extra-Ordinario… Super-Mega-Fantastic…  Mc Pope Show!”

E fin qui tutto bene! Il guaio è che ad aiutarlo nel suo spettacolo c’è l’ assistente tecnica e di scena, nonché attuale fidanzata, Clavda.
Di certo la ragazza ha un aspetto grazioso e gradevole, ma le sue doti principali sono quelle di non capire assolutamente niente di fonica, di inglese e di trovarsi sempre dove non dovrebbe stare. Per non parlare della sua ceca gelosia! Il McPope Show rischia di andare a rotoli! Riuscirà Mr.Pope a seguire gli insegnamenti del suo grande nonno Pit McPope ? Che, tutte le mattine, al telefono dalla Long Island di Capocotta, alla veneranda età di 93 anni, continua a ripetergli: “Qualsiasi cosa accade Andrej, qualsiasi… remember: the Show Must Go On!”

Il pubblico, chiamato ad assistere al Mc Pope Show, si ritrova, prima ammaliato dalla presenza frizzante e fresca di questa coppia di artisti, poi spiazzato dai molteplici problemi tecnici e infine addirittura coinvolto nelle loro liti e ripicche.

Durata: 50 minuti
Per bambini dai 3 anni in su

Lo spettacolo è inserito nella rassegna teatrale “Le Domeniche dei Bambini” che si terrà ogni domenica mattina.

20 Novembre 2016, ore 11.00
Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – Roma
biglietto: € 8,00 bambini – €10,00 adulti
0697616026
info@teatrofuriocamillo.it
www.teatrofuriocamillo.it

19-20 novembre Battiti “La zattera di pietra”

La zattera di pietra

La Balsa

Nel mezzo dell’oceano una piccola zattera va alla deriva, una montagna di tele nascondono una moltitudine di oggetti usati, doni portati dalle correnti, ricordi di un mondo perduto. Quattro naufraghi compaiono lentamente, trascinando a bordo il loro passato, le loro paure, le loro certezze, il loro sguardi, la loro speranza e i loro vizi. Un prete, una bambina, un maestra di musica e un uomo d’affari, l’equipaggio più assurdo della storia. Presto scopriranno che la barca è abitata da un personaggio bizzarro, eremita e curioso, venuto fuori da un racconto fiabesco. Con lui, danzando nel mare, una donna nata dall’acqua, selvaggia e generosa. l’improvvisa apparizione di tante persone a bordo scatena tra i due abitanti il desiderio giocare, però le leggi nella zattera non sono uguali per tutti e in piena tormenta alcuni danzano mentre altri lottano.

Una creazione di: Colectivo La Balsa
Direzione artistica, drammaturgia, coreografia: Anthony Mathieu e Simonetta Pusceddu
Sul palco: Arthur Marcilly, Damien Camunez, Elisabetta Valci Mazzara, Irene Fernández-Arévalo Díaz, Jorge Méndez González, Lucrezia Maiomone

Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)
19 novembre 2016 ore 21,00 – 20 novembre ore 18,00
Biglietto per singolo spettacolo € 13,00
Abbonamento a 6 spettacoli € 48,00
Abbonamento a 3 spettacoli € 30,00
Info e prenotazioni: 0697616026
www.rassegnabattiti.it

18 novembre Battiti “Se ce l’ho fatta io”

“Se ce l’ho fatta io…”

Secel'hofattaio

 Un artista di fama internazionale nel mondo del circo e del varietà è ormai alle prese con la routine della vita di un uomo comune: andare in ufficio, mangiare alla mensa aziendale, tornare a casa stipato nella metropolitana.  Eppure quando racconta le sue vicende passate da grande artista lo fa con un tono dimesso, quasi apatico. Ora invece ha tutto quello che un uomo desidera: una moglie, un lavoro sicuro, il purè della mensa aziendale, un cartellino da timbrare e… una suocera!

Quando parla del presente si riaccende la fiamma nei suoi occhi, la gioia di vivere torna in lui, sebbene non proprio in un modo consueto… Infatti il protagonista inizia a dare segni di  squilibrio, come tic nervosi, improvvise accelerazioni o forti rallentamenti sia nel modo di parlare che in quello di fare.
Dove lo porterà questo amore per la nuova vita, una vita da uomo comune? Forse solo dall’alimentari sotto casa per comprare 130 grammi di prosciutto come gli ha ordinato la moglie? Oppure?

Verranno usate tecniche di giocoleria, clown, recitazione testi.

Spettacolo vincitore del Bando di Residenza Creativa “Battiti”

Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)
18 novembre 2016 ore 21,00
Biglietto per singolo spettacolo € 13,00 (+ 2€ tessera associativa)
Abbonamento a 6 spettacoli € 48,00
Abbonamento a 3 spettacoli € 30,00
Info e prenotazioni: 0697616026
www.rassegnabattiti.it

17 novembre Battiti “Lascia il tempo che trovi”

LASCIA IL TEMPO CHE TROVI/PRIMO STUDIO

lasciailtempochetrovi

“È il primo frammento di una riflessione sul Tempo, è l’inizio di qualcosa che ancora deve prendere forma.

Ci siamo prese del tempo per tentare una riflessione, andiamo a tentativi su questo terreno instabile per interrogare il nostro sentire e ragionare coi nostri corpi riguardo questa sconfinata entità, questa parola enorme che è il Tempo. Il Tempo che è il nostro mutare.
Da queste porte socchiuse inizia il nostro studio, il nostro avvicinamento,  il nostro primo movimento. Vogliamo innanzitutto sprecare del tempo.”
Teodora e Chiara

Con Teodora Grano e Chiara Lucisano

Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)
17 novembre ore 22,00
Biglietto per singolo spettacolo € 8,00
Info e prenotazioni: 0697616026
www.rassegnabattiti.it