28 – 29 – 30 giugno “Interazioni Fondamentali” – spettacolo Accademia Bordeaux

ACCADEMIA BORDEAUX 
presenta
Interazioni Fondamentali
di Alan Smithee

Spettacolo di diploma degli allievi del terzo anno del corso di recitazione
Una cena tra due giovani astrofisici in carriera e le rispettive mogli è all’apparenza un evento di semplice convivialità. Ma quella che doveva essere una serata piacevole si trasforma piano piano in un vortice inarrestabile di nevrosi nascoste. I personaggi, vittime delle loro stesse maschere, svelano tutta la loro inquietudine. Le impalcature che sorreggono la finzione dei loro rapporti crollano inevitabilmente. Le menzogne che ognuno di loro racconta a se stessi riguardo la propria felicità si smontano. Il non detto viene inesorabilmente e crudelmente detto in un gioco delle parti perverso, in cui i personaggi, messi alla prova negli stessi identici eventi, si mostrano per quello che sono, per quello che vorrebbero essere, per quello che devono essere.

Regia di Massimiliano Davoli
Luci di Cristiana Vaccaro

Sì prega di prenotare i posti
info@teatrofuriocamillo.it
06 97616026

28, 29, e 30 Giugno
ore 21:00
Teatro Furio Camillo (Via Camilla 44)

con gli allievi del terzo anno del corso di recitazione (in ordine di apparizione)
Sabrina Marchetta
Edoardo Camilletti
Mariavittoria Cozzella
Carlo Falconetti
Beatrice Olga Valeri
Fabio Cannavale
Agnese Mobilia
Stefano Ferrara
Amerigo Imbriano

24 – 25 giugno “New Lines”

Associazione Culturale La Barchetta e la Compagnia Le Vele
presentano
New Lines

New lines - Locandina

La vita ci mette sempre di fronte ad innumerevoli scelte, alcune semplici, altre impossibili da fare. Spesso le nostre scelte condizionano a tal punto le nostre esistenze, da stravolgerle completamente. Facciamo fatica a riconoscerci, a riconoscere chi abbiamo accanto. Ci chiediamo insistentemente il perché e alla fine realizziamo che è semplicemente destino. Questa è la nostra storia. E tu, invece? Hai mai incontrato il tuo destino?

24 e 25 giugno ore 21.00
Teatro Furio Camillo
via Camilla 44 – Roma

19 – 21 giugno Laboratorio di Teatro Sensoriale

Vox Communication e Artinmovimento

presentano

LABORATORIO DI TEATRO SENSORIALE
finalizzato alla ricerca di attori per produzione 2017

LabSensoriale2017

Il laboratorio è rivolto a tutti coloro che intendano approfondire la poetica dei sensi e sperimentare un nuovo percorso espressivo che abbia come obiettivo la reciprocità, dalla scoperta del corpo e delle emozioni che lo animano all’autenticità della relazione tra attore e spettatore. Per attore intendiamo colui che agisce all’interno del percorso sensoriale: quindi attori ma anche artisti, danzatori, insegnanti, operatori sociali o semplici curiosi.

Il laboratorio è frutto di un percorso personale che nasce dalla pratica di diverse tecniche di rilassamento, attraverso la meditazione, lo yoga, la bioenergetica per arrivare al metodo Strasberg fino all’incontro col padre del teatro sensoriale Enrique Vargas (Teatro De los Sentidos).

Linda Di Pietro, in collaborazione con Vox Communication, dopo l’esperienza fatta come attrice, regista e semplice spettatrice in spettacoli e performance che mettono al centro la persona e non l’esibizione, si pone come obiettivo quello di creare un gruppo di lavoro e consolidare una compagnia che realizzi percorsi sensoriali interattivi.

È prevista una produzione a ottobre 2017 per la quale si intende attingere ai partecipanti del laboratorio.

In un mondo in cui la vista monopolizza l’esperienza e la conoscenza, riprendere contatto con tutti i sensi libera l’immaginario e ci permette di incontrare noi stessi, gli altri e la realtà in una dimensione poetica.

Connettendoci al mondo emotivo siamo in grado di mostrarci a un livello profondo e autentico, non filtrato, questo crea una resa nell’altro e una spinta a entrare in relazione, attraverso performance basate sullo scambio, sulla reciproca spinta verso l’altro.

Dove abita il nostro sentire? Cosa ci connette col nostro mondo emotivo rendendoci sensibili e recettivi? Quanto coraggio ci vuole per mostrarsi autenticamente?

Un officina sensoriale per capire e scoprire come le emozioni, diverse per ciascuno, si raccontino attraverso il nostro corpo e rappresentino una spinta verso chi abbiamo di fronte, capace di muovere lo stesso processo nell’altro.

Siamo vibranti quando siamo in contatto col nostro centro. Tecniche e metodi diversi convergono nel raggiungimento di questo stato di grazia in cui la parola e il gesto acquistano forza e significato.

Amplificare sensi, per recuperare la memoria del nostro corpo. I temi principali del lavoro saranno: il gioco come strumento di apprendimento e trasformazione, la curiosità, l’immaginazione, la memoria, il silenzio, l’intimità, il concetto di abitare e non interpretare.

 

Quando19-20-21 giugno dalle 18 alle 22;

 

Dove: Teatro Furio Camillo Via Camilla 44, Roma (fermata metro A Furio Camillo)
Costo: 100,00 €.

Il laboratorio prevede un numero massimo di 20 ed un minimo di 8 persone.

Per partecipare inviare una breve lettera di autopresentazione a: artinmovimento@hotmail.it

Sarete contattati in ogni caso entro e non oltre il 12-6-2017.

 

LINDA DI PIETRO

Regista e attrice romana di nascita si diploma a vent’anni alla Scuola Internazionale di Teatro di Roma e inizia a lavorare come attrice con alcuni registi del teatro italiano come Walter Manfrè, Marco Maltauro, Gabriele Lavia.

Parallelamente insegna nella Scuola Internazionale di Teatro e si specializza nel clown teatrale con Vladimir Olshansky (clown solista Cirque du Soleil), Paola Coletto (Ecole Jacques Lecoq), Robert Mc Neer, iniziando l’attività di clown terapia nei reparti pediatrici di alcuni ospedali romani. Porta avanti la sua ricerca e formazione frequentando il Laboratorio permanente di Cinema e Teatro Duse Studio diretto da Francesca De Sapio (membro dell’Actor’s Studio di NY), la Scuola dei Sensi diretta da Enrique Vargas del Teatro de Los Sentidos, studia ancora il Metodo con Juan Carlos Corazza (Estudio International del actor). Nel 2007 inizia il sodalizio con l’autore MarcoAvarello con il quale porta in scena diversi spettacoli nella Capitale: Streghe, Le Altre, La Vicaria, Uova di Lompo, e l’happening teatrale MAV Museo di Arte Viva.

Dopo qualche anno, grazie alla collaborazione con la società di produzione Vox Communication partecipa come attrice e regista a rilevanti progetti come la rassegna VoceDonna col patrocinio della Presidenza della Camera dei Deputati e Roma Capitale.

Nel 2011 fonda la Compagnia Teatrale Itinerante L’Orto delle Fate specializzata nel teatro per l’Infanzia.

A Ottobre 2014 ha curato la regia dello spettacolo “La Notte di Pinocchio”, prodotto da Vox Communication con Carlo Valli, storico doppiatore dell’attore Robin Williams.

A maggio 2015 dirige lo spettacolo “Il Compleanno di Mary” con Pamela Villoresi protagonista, una produzione Vox Communication  che debutta al Teatro Palladium in collaborazione con l’Università di Roma Tre.

 

17 giugno “Missione Famiglia”

Associazione Culturale La Barchetta e la Compagnia I Timoni
presentano
Missione Famiglia

Missione famiglia - Locandina

La famiglia è una certezza, un porto sicuro, soprattutto per i bambini. È la realtà in cui nascono, crescono e diventano grandi. Sanno che potranno contare sempre sulla loro famiglia. Ma non per tutti va così, non a tutti capita la fortuna di vivere un’infanzia serena e un’adolescenza sicura, per alcuni la vita prevede altre storie. “Missione famiglia” vuole raccontare queste altre storie, le storie dei ragazzi che hanno dovuto farcela da soli.

Teatro Furio Camillo
17 giugno ore 21.00
via camilla 44 – Roma

Bando per residenza creativa “Battiti 2017”

  Bando per Residenza Creativa all’interno del progetto

“Battiti 2017”

rassegna internazionale di circo-teatro

 

Nell’ambito del progetto “Battiti”, il Teatro Furio Camillo di Roma mette a disposizione (nei giorni ed orari sotto indicati) i propri spazi per la creazione di uno spettacolo di circo-teatro.

Lo spettacolo prodotto dovrà avere una durata minima di 45 minuti e verrà portato in scena, in una sola replica, per la prima volta all’interno della rassegna “Battiti”, in una data compresa tra il 09 novembre e il 03 dicembre 2017 presso il Teatro Furio Camillo di Roma.

Il Teatro Furio Camillo mette a disposizione il palco per la residenza creativa rivolta ad artisti di circo-teatro per favorire i processi di ricerca, creazione e studio di idee e progetti in cantiere, finalizzando il progetto creativo in uno spettacolo o performance che dovrà avere la sua forma compiuta entro il 09 novembre 2017. Al termine della residenza creativa la compagnia dovrà dunque garantire la messa in scena del lavoro creato. Nei giorni di creazione il palco sarà a disposizione con le sole luci di servizio (non luci di scena). Sarà invece sempre a disposizione il service audio. Qualunque altro materiale specifico per lo spettacolo sarà a carico della compagnia e nel caso di attrezzatura tecnica l’uso dovrà essere concordato con la direzione del teatro (ad es. video proiettore).

Per il giorno di messa in scena il teatro metterà a disposizione il service luci e fonica come da scheda tecnica del teatro che verrà fornita al responsabile della compagnia selezionata.

Nel giorno di messa in scena il teatro metterà a disposizione della compagnia un tecnico per fonica e luci e montaggio scene.

Le proposte dovranno pervenire entro il 12 giugno 2017 all’e-mail info@teatrofuriocamillo.it indicando nell’oggetto “Residenza Battiti 2017”.

Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata una presentazione del progetto ed una presentazione/curriculum della compagnia o dell’artista.

La direzione del teatro vaglierà le proposte pervenute e contatterà direttamente la compagnia selezionata per la stipula del contratto. La direzione si riserva di non assegnare la residenza qualora non pervenisse alcun proetto considerato rispondente alle caratteristiche tecnico artistiche della rassegna “Battiti”.  

Alla compagnia creatrice dello spettacolo, che andrà in scena per la prima volta all’interno della rassegna “Battiti” 2017, verrà corrisposto il 50% dell’incasso netto della sera di messa in scena.

Lo spettacolo non potrà essere presentato al pubblico in nessuna forma prima della rassegna, né in versione integrale né ridotta. In caso di mancato rispetto di questa clausola la Compagnia sarà soggetta ad una penale economica pari a € 500,00 nette.

Il costo del biglietto di ingresso è fissato per € 13,00.

La direzione del teatro si riserva eventuali riduzioni promozionali.

Il materiale promozionale della rassegna sarà a carico del teatro e le informazioni necessarie per la comunicazione stampa saranno fornite dalla Compagnia entro e non oltre il 04 settembre 2017.

L’eventuale materiale promozionale della spettacolo sarà a discrezione e carico della Compagnia stessa.

Calendario giorni e orari:

dal 11 al 24 settembre 2017 dalle ore 10.00 alle ore 18.00

La compagnia selezionata si impegna a prendere visione del calendario e comunicare alla direzione del teatro in quali giorni sarà effettivamente presente.

 

 

02 – 03 giugno “Ceci n’est pas réel”

Ceci n’est pas réel

omaggio alle opere di Magritte

 LocandinaMagritte

Il lavoro di Magritte si sviluppa in un periodo storico in cui il teatro muta e mette in crisi la concezione stessa della scena. Così come nelle opere di Magritte, l’architettura degli spazi teatrali nell’arco della prima metà del ‘900, si svuota e diviene bidimensionale. Il training dell’attore vira verso la biomeccanica e lo studio della linea del corpo diviene centrale nella ricerca dei registi e pedagoghi. Il volto, così come nelle opere di Magritte, viene coperto. Decroux avvia una ricerca fisica destinata a stravolgere il teatro ed a trasformarlo in ciò che oggi facilmente riconosciamo come “scena moderna”. I quadri di Magritte attraversano questo tempo, magicamente lo riflettono in maniera tanto inconsapevole quanto speculare. L’apparente assenza di senso, la bidimensionalità, la riflessione sull’ombra, sull’assenza apparente di movimento, sulla sospensione, sull’emozione nascosta e velata del volto ma evidente e forte nell’immagine complessiva.

Lo spettacolo intende onorare l’opera dei due grandi maestri Renè Magritte e Etienne Decroux, che nello stesso momento storico, in due differenti settori dell’arte, hanno riflettuto sulla visione del reale.

L’osservazione stessa del reale è il filo conduttore dell’opera teatrale “Ceci n’est pas réel”. Quindici acrobati in scena lavorano ad una sequenza di coreografie ciascuna delle quali si ispira ad un’opera oppure ad una suggestione o ad un concetto. L’acrobatica aerea diviene uno strumento per staccarsi da terra e lavorare sulle ombre staccate dai corpi, una chiave per leggere non solo la forma del corpo, ma anche lo spazio vuoto attorno al corpo stesso.

Ideazione e regia di Roberta Castelluzzo

Collaborazione alle coreografie: Aurora Pica

Interpreti:

Linda Arduini
Gaia Attademo
Sylvie Bello
Luciano Capasso
Rossella Caruso
Teresa Del Vecchio
Lisa Di Cerruti
Fiamma Di Giamberardino
Francesca Gavaruzzi
Manuela Oliveri
Aurora Tiberi
Virdiana Tiberi
Sofia Zaninotto
e con la partecipazione di Piero Ricciardi e Teodora Grano

02 giugno ore 21.00 – 03 giugno ore 18.00
Teatro Furio Camillo
via Camilla 44 – Roma
Costo 10€ + 2€ tessera associativa