12 ottobre 2014 domeniche dei bambini “Il Makkiarlo Comedy Show”

Domenica 12 ottobre 2014 ore 11.00

Proseguono le Domeniche dei Bambini con

IL MAKKIARLO COMEDY SHOW

Di e con Nicola Macchiarulo

 Uno spettacolo in cui la giocoleria, la magia e il mimo sono al servizio del gioco clownesco di questo personaggio a cui…” va tutto storto”. Uno spettacolo che con l’aiuto del pubblico… se tutto va bene … andrà malissimo..

xfurio
Il Makkiarlo Comedy Show

 

Bambini € 8,00 adulti  € 10,00 Prenotazione consigliata allo 06.97616026

Teatro Furio Camillo

via Camilla, 44 – Roma a 100 mt dalla Metro A Furio Camillo

biglietto: € 8,00 bambini – €10,00 adulti

info@teatrofuriocamillo.it

 

The Club, 11-12 ottobre 2014

ACCADEMIA TEATRALE DI ROMA

Sofia Amendolea

 presenta

 THE CLUB

drammaturgia e regia

Paolo Alessandri

loca THE CLUB WEB

  “…Si avvertono i Signori Soci del CLUB che la Nuova Amministrazione porterà con sè una ventata d’aria altamente innovativa.

I Vecchi Soci del CLUB sono invitati pertanto, vivamente, ad aderire alla Nuova Linea del CLUB, o a riconsegnare la propria Tessera.

Sarà premura della Nuova Amministrazione del CLUB assicurarsi, con ogni mezzo, che tutti i Soci

aderiscano pertanto alle Linee Guida della NUOVA AMMINISTRAZIONE.

 PENA L’ESTINZIONE DEL SOCIO INADEMPIENTE

con

Emma Aquino

Giulia Balbi

Alessio Binetti

Alberto Falcioni

Pierluigi Indellicati

Filippo Mantoni

Nicolò Matricardi

Jordi Montenegro

Michele Nardi

Beatrice Pellegrino

Donatello Tagliente

Maria Teresa Taratufolo

costumi

MONICA RAPONI

selezione musicale

MAURIZIO ‘OLMO’ GIUCA

Sabato 11 ottobre ore 21.00 (POSTI ESAURITI)

Domenica 12 ottobre pomeridiana ore 17.00, serale ore 21.00

5 ottobre 2014 domeniche dei bambini “Seriously Haha”

Domenica 5 ottobre 2014 ore 11.00

La rassegna delle “Domeniche dei Bambini” al teatro Furio Camillo

riparte alla grande con lo spettacolo

 

‘Seriously Haha
Questo spettacolo di circo-teatro e’ una commedia sulla tragedia di un uomo qualsiasi.

Haha è l’artista circense più triste del mondo. E’ stufo della sua routine quotidiana e vuole cambiarla.

Accompagnatelo nel suo viaggio di trasformazione, mentre scopre la sua vera personalita’, grazie all’aiuto dai suoi alter-ego infantili e audaci.Numeri di corda molle, comicita’ fisica e teatro dell’assurdo abbondano in questa storia: la lotta comica di un uomo che cerca se stesso. Consigliato dai 4 anni in su

equilibristi a teatro

Bambini € 8,00 adulti  € 10,00 Prenotazione consigliata allo 06.97616026

In scena dal 16 al 18 maggio 2014 “Se Nasce Femmina”

16 – 18 Maggio
Compagnia Caffè di Mezzanotte

SE NASCE FEMMINA

di Sara Vannelli
regia di Andreas Plithakis

se nasce femmina locandina

L’amore, la violenza, la passione, l’indifferenza, la superficialità, l’incomunicabilità, il sogno, la speranza. Uno spettacolo poetico e spiazzante, caotico e contraddittorio, come la vita delle donne al centro delle diverse scene. Come la vita di ciascuno di noi. In scena al Teatro Furio Camillo di Roma dal 16 al 18 maggio, la compagnia Caffè di mezzanotte presenta Se nasce femmina…, uno spettacolo suggestivo che conduce lo spettatore in una dimensione universale caratterizzata da sentimenti profondi ed emozioni intense: pagine poetiche, reali ed oniriche, di quell’infinito e misterioso libro rappresentato dall’animo femminile. La pièce teatrale – che trova le sue solide basi nel copione inedito tratto dai racconti scritti da Sara Vannelli, pubblicati tra il 2009 e il 2013 – vede sul palcoscenico quattro brillanti attori – Greta Bellusci, Valeria De Luca, Sara Platania e Giancarlo Porcari – abilmente diretti da Andreas Plithakis, la cui regia, cruda ed essenziale, surreale ed emozionale, mira a creare uno spazio tanto reale quanto metaforico, dove concretezza e sogno interagiscono tra loro. Dialoghi e monologhi ambientati nella semplicità di un appartamento ed alimentati dalla straordinaria forza che anima le pulsioni, le frustrazioni, le ambizioni e la materialità della vita di queste donne, immerse in una incongruente contemporaneità. In concorso al prestigioso Roma Fringe Festival 2014, Se nasce femmina… (Di Nardo Production, portale Roma4You main sponsor) è uno spettacolo dedicato a coloro che amano profondamente la donna e vogliono indagare i suoi infiniti universi, nella speranza di intuirne le sfumature più intime e segrete.

Dal 16 al 18 maggio
Teatro Furio Camillo
Via Camilla, 44
Tel. 06.97616026
Tutte le sere ore 21.00, domenica ore 18

in scena dal 10 al 13 aprile “Don Quixote”

10 – 13 Aprile (in abbonamento)
Compagnia L’Archimandrita

Don Quixote

Rugo er Marchese e la Madonna, una commedia metropolitana

di Gianluca Riggi

Con: Flavio Ciancio, Piergiorgio Pugliese, Gianluca Riggi

Musiche di Andrea Moriconi

DON QUIXOTE Rugo er Marchese e la Madonna, una commedia metropolitana
DON QUIXOTE
Rugo er Marchese e la Madonna, una commedia metropolitana

La fame, l’amore, il sesso, la tenerezza, i temi trattati in questo tentativo di rivivere la Commedia dell’Arte, rivisitando il testo di Cervantes come fosse un canovaccio, nel tentativo di riaggiornare le maschere della nostra tradizione teatrale, e cercare nell’ancestralità dei nostri dialetti un linguaggio che non è solo verbale ma drammaturgico e scenico.

Don Quixote de la Mancha rivive in questa messa in scena riadattata in un contemporaneo suburbano e metropolitano da Gianluca Riggi. Rugo, il Marchese e la Madonna sono i tre protagonisti di una notte dove tutto è possibile, dove rivivono le avventure del Don Quixote e di Sancho Panza e l’incontro con Dulcinea la Madonna gentile cortese.

Le avventure dei tre sono riadattate e riambientate nella Roma, tra il lungotevere e il Circo Massimo, la loro è una lingua ricca di iperboli ed improbabile, un romanesco aristocratico e proletario. La messa in scena è semplice, i tre attori si muovono come all’interno di un canovaccio di Commedia dell’Arte, ne utilizzano le maschere, riscrivono una teatralità fisica e verbale completa. Una commedia dove i protagonisti sono tre maschere sole che si muovono in un mondo che a stento riconoscono, vogliono compiere un gesto sconsiderato che venga ricordato dai posteri, giocano, si divertono, si perdono.

Gianluca Riggi

Gianluca Riggi

 

dal 10 al 13 aprile 2014

Teatro Furio Camillo

via Camilla, 44 – Roma

tutte le sere ore 21,00 –  domenica ore 18,00

biglietto € 10,00

info@teatrofuriocamillo.it

 

dal 10 al 30 aprile 2014 “Tracce” mostra di pittura di Manuela Minozzi

Dal 10 al 30 aprile il teatro ospiterà la mostra di pittura di Manuela Minozzi “Tracce”

 

mostra manuela

“Linee si inseguono creando forme, richiamando colori, a volte delineando contorni di elementi figurativi. In un fluire continuo, reale ed irreale si fondono per dar voce alle più remote zone dell’animo ma anche, contemporaneamente, per puro gioco estetico. La linea guida la mano suggerendo l’infinita complessità dell’immaginazione.”

Manuela Minozzi

 

La specificità dell’arte astratta, espressa da Manuela Minozzi, è dovuta al fatto che il suo percorso pittorico nasce  dal figurativo classico, dal quale spesso si allontana per il bisogno di aprire lo scrigno della sua creatività più recondita. Da qui, l’esplosione di forme,  colori e luci che si compongono e si scompongono in un’armonia di evanescente astrattismo, impercettibile ai sensi comuni. Svelare la magia delle linee curve, pensare ad un colore con un segno morbido in un intrico di tratti, intenzionalmente non dritti, che possono essere parte di segni interrogativi, parentesi, pezzi di cerchi come di ruote senza raggi.

Forme attraenti ed avviluppanti, per le quali e sulle quali è piacevole, oltre che gratificante, soffermarsi a riflettere.

 

 Inaugurazione 10 aprile ore 19.00

Orari mostra lunedì- sabato dalle 19.00 alle 21.00, domenica dalle 16.00 alle 18. Ingresso libero

30 marzo domeniche dei bambini “Le mille bolle blu”

Domenica 30 marzo ore 11.00

“LE MILLE BOLLE BLU”

Spettacolo di clownerie e bolle di sapone giganti

Di e con Pascal La Delfa

foto4

Il Clown Patatino, un elegante e colorato pasticcione, è un personaggio amatissimo dai bambini di tutte le età, un po’ “maghetto”e un po’ combinaguai riesce a coinvolgere tutti i bimbi nelle sue avventure. Il suo spettacolo prevede la partecipazione attiva dei bimbi, non come semplici spettatori ma anche, e soprattutto, come veri e propri attori, impegnati in situazioni sempre sorprendenti e allegre.

Lo spettacolo viene realizzato da diversi anni in situazioni di ogni genere, in scuole, manifestazioni culturali, rassegne ed eventi per bambini, sempre con un grande successo sia per i bambini che per gli spettatori adulti.

Il Clown Patatino è un clown professionista impegnato da anni nel lavoro con i bambini negli ospedali pediatrici. Ai bimbi è noto per i suoi interventi a Disney Club, Zap Zap tv, e altre trasmissioni rai e in tv private..

Durata 40/50 minuti

costo € 8,00

Adatto a tutte le età

Consigliata la prenotazione:  06.97616026

23 marzo domeniche dei bambini “C’era un Lupetto che mi Mangiava la Testa”

Domenica 23 marzo ore 11.00

“C’era Un Lupetto Che Mi Mangiava La Testa”

ovvero la poesia spiegata ai figli

A cura di e con

Giovanni Greco, Maria Cristina Zerbino

compagnia “Teatro del Sale”


Il senso di questo progetto è quello di configurarsi come una lezione-spettacolo (più spettacolo che lezione…), dunque come un momento che coniughi in sé didassi e divertimento. L’idea di fondo è quella di mettere insieme alcuni racconti esemplari, mitologici ma anche favolistici, sul denominatore comune di un tema insieme facile e difficile, respingente e affascinante: quello della poesia. La poesia che tutti studiano o hanno studiato a scuola, che molti non capiscono e quando la sentono pronunciare alzano gli occhi al cielo, che pochissimi leggono e i più per dovere, che in tanti scrivono e che a tutti, prima o dopo, presto o tardi, è capitata sotto gli occhi. La storia parte dalle origini, se mai esistono delle origini della poesia, per arrivare ai nostri giorni, entrando nell’officina dei poeti tra aneddoti e leggende, divertenti ma anche paurosi, commoventi o inverosimili, interagisce con il pubblico giovane e cerca di metterlo nella condizione di scoprire o riscoprire un fatto semplice, lapalissiano, imbarazzante per certi versi: nessuno è senza poesia, nessun epoca e nessun età, nessuno è sfornito di antenne poetiche a priori, è solo che da un certo momento in poi ci fanno credere che non sappiamo disegnare, che non sappiamo cantare, non sappiamo recitare, che non c’è tempo, che è inutile, che la poesia è una cosa da matti, da illusi, da sognatori e che sicuramente non fa campare, non arricchisce i conti in banca, deprime e rende pensierosi quando non nervosi. Che se, oggi come oggi, dici ‘faccio il poeta’, la gente sorride e ti chiede ‘sì, ma di lavoro?’. La poesia è un lavoro, duro e faticoso, arricchisce e diverte, aiuta la mente ma soprattutto il corpo e chiunque uscirà da questo spettacolo, è una promessa, diventerà un paladino senza macchia e senza paura degli endecasillabi, delle similitudini, delle rime baciate. Provare per credere!

Costo € 8,00

età consigliata dai 6 anni in su

CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE TELEFONICA: Tel 06.97616026

in scena dal 13 al 16 marzo

la doppia vita dei numeri 2

 In scena dal 13 al 16 marzo

 

“La doppia vita dei numeri”

di Erri De Luca

A cura dell’Associazione teatrale “laQuartaQuinta”

Interpreti:

Mirella Mazzei, Gianni Monaco, Alessandra Galdenzi, Pino Antonucci e Daniela Bettini

Assistente alla regia Lida Villeggia

Direttore di scena Renato Vagnarelli

Effetti speciali Stefano Paolantoni

Voce narrante Claudio Linari

Regia Gianni Monaco

La doppia vita dei numeri è una storia di “presenze”….

Presenze di persone care, apparentemente lontane, ma passate semplicemente ad altra parte, restando nei pensieri e nei cuori di quanti sono ancora in questa.

Presenze argute, attente ed affettuose, per nulla parenti dei famosissimi “questi fantasmi” immaginati dal grande Eduardo.

Quelli di Eduardo – osserva Erri De Luca – erano «avanzi di superstizione, il mondo li aveva già licenziati».

Questi della notte di Capodanno sono invece pronti a farsi convocare, a giocare una partita a tombola, seduti al tavolo dei vivi.

In questa storia essi vengono in visita – perché evocati da un cuore di donna – ed il loro primo riguardo verso l’ospite consiste nel non mostrare sorpresa.

Si rinnovano, così, affetti e ricordi di una vita…..

Mentre la vicenda si dipana tra le mura di una vecchia casa di Napoli, la città celebra il suo rituale incendio di Capodanno col fragore dei tradizionali “botti”…..

 

tutte le sere ore 21,00 – domenica ore 18,00

biglietto € 10,00

Per info e prenotazioni: 06 97616026