Laboratorio Teatrale

Laboratorio Teatrale

LABORATORIO TEATRALE
a cura di Emiliano Valente

Un percorso di un anno riassunto in dieci punti. E’ una sintesi, il resto lo si scopre facendo:

– Incontrarsi: avere la possibilità di ritrovarsi in una spazio neutro, insieme ad altre persone sconosciute, eliminando giudizi e sovrastrutture si avrà maggiore possibilità di scoprire la propria identità.
– Giocare: recitare in molte lingue viene tradotto con giocare. Il teatro è il gioco che  possiamo permetterci anche da adulti. Qualche tecnica, poche regole e tanta disponibilità.
– Fidarsi: imparare a fidarsi delle proprie capacità, dei propri errori, degli altri, riuscire a sentirsi all’interno di un gruppo.
– Lasciarsi andare: scoprire i propri limiti e le proprie capacità attraverso il gioco teatrale e il confronto continuo con se stessi e con un gruppo.
– Mettersi in discussione: non esiste giusto, non esiste sbagliato, esiste solo la sincerità espressiva. Per raggiungerla occorre mettersi alla prova, accettare gli errori, superare i tabù, le paure, i dogmi, rimescolarsi continuamente.
– Muoversi: scoprire attraverso il gioco e gli esercizi fisici le proprie possibilità motorie, la propria coordinazione, la propria capacità di movimento e di espressione. Scoprire ritmo, tempo, elasticità fisica, linguaggio del corpo.
– Parlare: unendo conoscenze tecniche di respirazione e fonetica all’arte di raccontare scoprire e analizzare il proprio modo di comunicare.
– Ascoltare tutti i sensi: togliere il primato della vista scoprendo le innumerevoli capacità degli altri sensi. Esistono già, occorre solo imparare a riconoscerle.
– Improvvisare: liberare la parte creativa mettendola al servizio di sé e del gruppo.
– Rappresentare: l’atto conclusivo, non per forza il più importante, il raccordo finale di un percorso, il riassunto di un insieme di elementi sparsi lungo un intero anno. Indossare altri panni per svelarsi e trovarsi.

Il  mercoledì dalle  20.00 alle 22.00
inizio lezioni 3 ottobre, prima lezione gratuita e senza impegno
Costo di iscrizione 30€ – costo mensile 40€

emiliano valente

Emiliano Valente, autore, attore e regista teatrale. Nei suoi primi anni di carriera è attore della compagnia  Teatro Internato diretta da Stefano Tè. Nel 2005 intraprende la sua carriera solista. All’attivo 8 spettacoli:

–  La Banda del Gobbo. Mito e resistenza popolare nei nove mesi di occupazione nazista. Oltre 350 repliche all’attivo in molti teatri di Italia, in festival e nelle scuole.
– Tempo. Monologo in 4/4. Un suo estratto “ Nessuno” vince il premio della critica del Premio Tre Racconti sul Comò al Teatro Lo Spazio di Roma.
– Mattone dopo Mattone. Un on the road cacio e pepe. In numerosi festival nazionali.
– Belle Bandiere. Di Lorenzo Misuraca.
– Non parlarmi di mafia. Di Lorenzo Misuraca. Progetto per le scuole in collaborazione con l’associazione antimafia DASUD
–  Namolletta. Nel cartellone di Teatri di Roma.
– 55 Minuti e 20 Secondi. Di e con Valeriano Solfiti. Nel cartellone di Teatri di Roma.
– Mi troverai tra le costellazioni. Storia di resistenza Picena.

I suoi spettacoli non hanno un unico stile riconoscibile, si passa da tematiche sociali e civili a storie surreali e grottesche. I tratti riconoscibili sono l’utilizzo della comicità e dei dialetti nelle caratterizzazioni dei personaggi e la volontà di raccontare la storia attraverso le vicende quotidiane di chi le ha vissute.

Oltre al suo percorso solista numerose le collaborazioni con compagnie professioniste.
Dal 2009 è insegnante in diversi laboratori a Roma, Subiaco, Ascoli.
Dal 2009 è direttore artistico del Pollino in Festa, festival di musica e teatro a Buonvicino (Cs) e presidente dell’associazione culturale TiConZero.

Lascia un commento